kelo-lt Theme designed by padexx
« precedente successivo »
Pagine: 1 2 [3] 4 5 6   Vai giù
Stampa
0 utenti e 1 Utente non registrato stanno visualizzando questa discussione.
Autore Discussione: In esclusiva per VOI, la mia prima FF.    (Letto 12997 volte)
ele85
Sherlock Holmes
*

Karma: 16
Scollegato Scollegato

Sesso: Femmina
Messaggi: 506


quando la classe non è acqua...


Mostra profilo
« Risposta #30 inserita:: Domenica 13 Aprile 2008, 14:30:49 »

come tutti gli artisti si fa desiderare... Roll Eyes
Registrato


"Preoccupati più del tuo carattere che della tua reputazione. Perché il carattere è ciò che tu sei, la reputazione ciò che gli altri pensano tu sia" John Robert Wooden
"Con lo scenario adatto, una donna può tutto." Oscar Wilde
"Gli uomini bramano sempre essere il primo amore di una donna, e questo è un effetto della loro stupida vanità. Noi donne abbiamo un istint
Tacchino Selvaggio
Global Moderator
Sherlock Holmes
*

Karma: 56
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 936


He got a Licence To Kill


Mostra profilo
« Risposta #31 inserita:: Lunedì 14 Aprile 2008, 21:20:55 »

Beh... Lo strolicamento è lungo... Più che altro perchè sto macchinando anche un caso da piazzarci dentro...  Wink Wink Wink Wink Wink Wink Wink
Registrato

The Organization is going to kill anyone that relates to you! [Ai Haibara]

Leggete la mia Fan fic!!!
Detective Conan- Vendetta Privata



Tacchino Selvaggio
Global Moderator
Sherlock Holmes
*

Karma: 56
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 936


He got a Licence To Kill


Mostra profilo
« Risposta #32 inserita:: Lunedì 14 Aprile 2008, 21:51:50 »

Promessa: La settimana prossima USCIRA' la PRIMA, ATTESISSIMA PARTE di Detective Conan- Vendetta Privata
Registrato

The Organization is going to kill anyone that relates to you! [Ai Haibara]

Leggete la mia Fan fic!!!
Detective Conan- Vendetta Privata



Kirei
葛城 綺麗 [Katsuragi Kirei]
Administrator
Sherlock Holmes
*

Karma: 314
Scollegato Scollegato

Sesso: Femmina
Messaggi: 3.482


Evening baroness (O_o)


kireichan82 kirei.katsuragi kirei82
Mostra profilo WWW
« Risposta #33 inserita:: Martedì 15 Aprile 2008, 08:48:12 »

Bella la pubblicità scorrevole!!!
Registrato





My dcktss family

LucaLX (fratello gemello dinastico)
Meitantei94 (fratello)
Kristal (cognata; cugina)
kudo (fratello)
Court (cugina)
ladyhattori (cugina)
alfio (cugino)
Silvy93 (cugina)
ladyhattori
La #4 paladina della giustizia!
Global Moderator
Sherlock Holmes
*

Karma: 278
Scollegato Scollegato

Sesso: Femmina
Messaggi: 5.601


Be careful: I'm ladyblu


Mostra profilo
« Risposta #34 inserita:: Martedì 15 Aprile 2008, 14:59:08 »

Buono a sapersi! Wink
Aspetteremo con ansia Mei!! Grin
E complimenti per la pubblicità!! Cheesy
Registrato







Meitantei94
Scanslators
Sherlock Holmes
*

Karma: 72
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 1.792


Meitantei Conan!!!


Mostra profilo
« Risposta #35 inserita:: Venerdì 18 Aprile 2008, 23:29:13 »

Uao!! tra pochissimi giorni avremo l'onore di leggere la prima parte della tua fanfiction!!! Non vedo l'ora!!
Registrato






La vita di un altro o la propria non fa differenza!è una cosa preziosa che non bisogna buttar via! Gli stupidi che se la tolgono sono uguali a degli assassini!
Non importa se è la propria.




We are We are One Piece!!
Miwa
La #2 paladina della giustizia!
Staff forum
Sherlock Holmes
*

Karma: 155
Scollegato Scollegato

Sesso: Femmina
Messaggi: 5.800


Kyon Lover ♥


Mostra profilo
« Risposta #36 inserita:: Mercoledì 23 Aprile 2008, 18:17:49 »

Uh bella pubblicità...Allora non vedo l'ora! Sono ansiosa di leggere!
Registrato



CoAi Shipper|aNobii|EFP|MAL|Twitter|Tumblr

Lovely Gifts from Kristal Brooks and Fifi Kuroba! Thank you *-*~
ranshiniconan
Scanslators
Sherlock Holmes
*

Karma: 31
Scollegato Scollegato

Sesso: Femmina
Messaggi: 516


«あなたがいなくて寂しいです»


Mostra profilo
« Risposta #37 inserita:: Giovedì 24 Aprile 2008, 17:42:26 »

bel cartellone!!! bella pubblicità!!! Wink anch'io sono ansiosa di leggere questa fanfiction!!!  Cheesy
Registrato

"Eliminando tutto ciò che è impossibile, quello che resta, per quanto possa essere incredibile, è la verità!"
                    "La perfezione non esiste...io sono una persona...una persona soltanto"

                                       

                                
                 
                                                             • 名探偵コナン •

                                                

                                                                ¤ ラブ★コン ¤
Tacchino Selvaggio
Global Moderator
Sherlock Holmes
*

Karma: 56
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 936


He got a Licence To Kill


Mostra profilo
« Risposta #38 inserita:: Lunedì 28 Aprile 2008, 11:26:26 »

Scusandomi per il leggero ritardo, vi faccio un dono INCREDIBBILE!!!!!
DUE PEZZI DI FAN- FIC AL PREZZO DI UNO!!!!!!!!!!!!!^_- [cioè ne posto DUE: una adesso e la seconda nel pomeriggio]. Come dirò qui di seguito, DIVERTITEVI!!!!! ^^

Premesse:
 
Importante!!!!!! Visionare prima di leggere!!!!!!!!!!!

Questa fan- fic è liberamente ispirata ad un film del 1989 di James Bond, “007- Licence To Kill” (“Agente 007- Vendetta Privata”, in italiano) di cui qui trovate il trailer (http://it.youtube.com/watch?v=P7tT74avIuk) e la sigla, che vorrei voi “immaginaste” attaccata dove vi dirò all’inizio della storia.
Questa è, come dal titolo del film, “Licence To Kill” di Gladys Knight, che trovate qui su Youtube: http://it.youtube.com/watch?v=TW5G_05a5UU&feature=related.
Ci sarà naturalmente anche la sigla di chiusura, come fosse un vero e proprio film ^^.

Altra annotazione importante: per quanto possa apparire magari cruda la narrazione ho cercato di puntare al realismo, cercando di “inventare” la psicologia di alcuni personaggi nelle varie situazioni della storia in cui li sto per “cacciare”.
DIVERTITEVI e POI FATEMI SAPERE CHE NE PENSATE!!!!!!!!!!!! ^^



Sono passati due anni da quando Shinichi è tornato normale.
E cinque da quella maledetta serata al “Tropical Land”, il parco dei divertimenti nel quale lui era stato rimpicciolito dall’Organizzazione degli Uomini in Nero.
Quella sera era stata molto di più che “un rimpicciolimento” per Shinichi.
Gli Uomini in Nero, i Corvi Oscuri o in qualunque modo quei farabutti si chiamassero gli avevano rubato alcuni degli anni che sarebbero stati certamente, lui ne era certo, quelli più belli della sua vita.
Nel frattempo tante cose erano successe.

Quando ancora era Conan, Shinichi aveva definitivamente posto fine alla vita dell’Organizzazione: finalmente gli aveva arrestati tutti, nessuno escluso.
Tutto distrutto, l’incubo era finito.
Haibara aveva finalmente creato l’antidoto e loro erano tornati normali, alle loro età “attuali”, se così si può dire.

Ran intanto si stava per diplomare, e lui era tornato, per restare davvero e per sempre, proprio il giorno dei diplomi.
Lui era andato là solo per lei.
E lei l’aveva visto, lì, tra la folla, mentre si trovava sul palco della grande palestra della scuola, dove si teneva la cerimonia della consegna dei diplomi: lei era felice e allo stesso tempo emozionata, bellissima nella sua divisa estiva nera, nel ricevere il premio per tanti anni di studio.
Anni in cui non aveva fatto altro che pensare a lui.
Improvvisamente Ran ebbe un tuffo al cuore. Era tornato. Stavolta per davvero? Per sempre?
Le vennero le lacrime agli occhi. Per fortuna era in terza fila, così riuscì a nascondere meglio il suo pianto. Non voleva farsi vedere mentre la sua gioia, con impeto inarrestabile esplodeva.
Shinischi stava lì, seduto, che la fissava.
Era tornato. Sapeva quanto lei aveva sofferto, lo aveva visto con i suoi occhi, aveva la consapevolezza che non sarebbe stato facile starle accanto come un tempo: quando era davvero, ancora Shinichi e basta.
Sapeva anche un’altra cosa: che lui l’amava e che adesso che era tornato, non l’avrebbe lasciata mai più sola.
Finita la cerimonia e ricevuto il diploma, mentre Ran era andata dai suoi genitori, Shinichi era rimasto in disparte. Voleva rientrare nella sua vita, ma non sapeva come. Lei gli andò incontro e l’abbracciò con un calore indescrivibile, sfogando tutte le lacrime che per tre lunghi anni si era tenuta dentro (e sì che ne aveva già spese tante per lui), soffocandole nel profondo del suo cuore, mentre Eri portava via un già bellicoso Kogoro.

Passato un po’ di tempo da quel giorno, Shinichi apprese che doveva poi ripetere, suo malgrado, le superiori, dato che aveva perso gli anni del liceo (almeno la “bocciatura” gli peserà nel corso della sua vita!!!!), mentre Ran aveva iniziato l’Università.
Stavano insieme, come ai vecchi tempi, nel senso che sapevano entrambi che si volevano bene (e quanto!!!) ma non erano fidanzati nel vero e proprio senso della parola, dato che mancava la “dichiarazione ufficiale”, e, anche se Shinichi la riteneva superflua, sapeva che Ran l’avrebbe voluta prima o poi, per aggiungere un po’ di romanticismo, dopo tanto dolore. E sapeva che gliela avrebbe fatta. E intanto ridevano, scherzavano (Ran lo prendva in giro perché era rimasto “piccolino”… Ancora alle superiori alla sua età!!!!!  Bocciato!!!!! –un sorriso amaro aveva Shinichi quando lo scanzonava… Ran ancora non sapeva nulla e non glielo avrebbe detto, questo no), andavano al cinema con Sonoko e Makoto, come buoni amici.

Per il resto, Ai/ Shiho aveva deciso di vivere assieme al Professor Agasa, visto che gli si era affezionata, come fosse per lei un genitore, una possibilità di riprendersi anche lei quell’esistenza che le era stata strappata, Genta, Ayumi e Mitsuhiko erano stati gli unici (tra quelli che già non la conoscevano) a sapere tutto riguardo la verità di Conan/ Shinichi.
Povera Ayumi!
Quanto aveva pianto all’idea che il suo Conan non le avrebbe più fatto compagnia.
Per una settimana intera rimase triste, chiusa in casa a piangere, non andando a scuola e non rivolgendo la parola a nessuno: le sembrava che il cuore le volesse esplodere nel petto dalle lacrime.
Poi, da quando Shinichi era andato a trovarla sembrò che, malgrado tutto, se ne fosse fatta una ragione.
E povero Mitsuhiko, che aveva visto la sua Ai Haibara ritrasformarsi in Shiho Miyano proprio mentre aveva appena capito quello che gli diceva il suo cuore. Shiho però gli voleva bene, e se l’era preso come una sorta di fratellino minore e ci passava ore e ore, ad aiutarlo a fare i compiti e a dipingere a casa del Dottor Agasa o fare delle belle passeggiate o della escursioni assieme allo scienziato.
Genta era rimasto il solito, e, quando Shinichi era tornato grande, ripresosi dall’incredibile emozione, aveva chiesto a Shinichi se poteva fare il testimone al matrimonio tra lui e Ran, facendo arrossire il ragazzo.
A Shinichi era spiaciuto dare quel dispiacere ai bambini perché, malgrado avesse odiato più di una volta l’essere tornato un “moccioso”, amici così veri, belli, spontanei come i Giovani Detective era certo che raramente si trovano al mondo. E si era ripromesso di passare, ogni tanto, un po’ di tempo con loro.
Dopotutto, cosa sarebbe stato di lui senza Genta, Ayumi e Mitsuhiko?
Kogoro e Eri erano finalmente (e da poco) tornati insieme e tutto questo dopo essere rimasti, nel mentre della loro ennesima discussione, intrappolati in ascensore da soli per tutta la notte nel palazzo dov’era l’ufficio di Eri; mentre lui l’aveva inseguita quando lei, sdegnata per il comportamento del marito, cercava di rientrare in ufficio e minacciava di troncare, stavolta definitivamente, con lui.
Alla mattina, quando i pompieri li erano finalmente riusciti a liberare, li avevano trovati che dormivano abbracciati con lui che si era tolto la sua giacca per non far patir freddo a sua moglie, la testa di lei sulla spalla di Kogoro e le mani congiunte. E avevano fatto pace.
A Osaka, invece, niente di nuovo: Heiji continuava a non volersi dichiarare a Kazuha (lui si vergognava… Un classico!!!), la quale, non appena appresa la notizia del ritorno di Shinichi da una telefonata di Ran, si era arrabbiata “misteriosamente” con il suo Hattori…
Ma come ebbe modo di pensare il nostro detective, quando Heiji gli telefonò per lamentarsi dell’INCOMPRENSIBILE comportamento di Kazuha, gli disse che «sarebbe stata solo una questione di tempo».
Intanto un’altra coppia era sbocciata: Takagi si era finalmente rivelato alla sua Sato e tra poche settimane si sarebbero sposati.

Accadde quindi che, durante le vacanze di Natale, Shinichi e Ran fossero stati invitati dai coniugi Kudo a trascorrere una settimana nella loro villa a Los Angeles.
Ran, suo malgrado, dovette rifiutare, visto che era il primo anno d’Università e voleva far bene gli esami, anche perché era entrata nella prestigiosa Tokyo Daihatsu, una degli Atenei più importanti del Giappone.
Shinichi, ovviamente, senza la sua “amica” non voleva muoversi, ma alla fine la ragazza lo convinse dicendogli che anche i genitori di lui dopo tanto tempo avrebbero avuto sicuramente voglia di rivederlo e abbracciarlo (come se non si fossero mai rivisti…).

Così Shinichi partì dall’aeroporto di Narita per andare negli Stati Uniti, non prima d’aver riabbracciato la sua Ran e di averle ripetuto infinite volte «Non ti voglio lasciare più. Stavolta tornerò vedrai. », per poi tornare una settimana esatta dopo, il 30 di dicembre, tutto preoccupato perché non aveva idee su come avrebbe festeggiato l’ultimo dell’anno.

Alle 15:30 ora di Tokyo del 30 dicembre, Shinichi atterra nella capitale giapponese.
Un freddo pungente lo accoglie appena sceso dall’aereo. Bianco ovunque.
Sale su un taxi per tornare a casa.
Una volta a destinazione, apre la porta di casa, accende il riscaldamento, mette a posto le valigie, poi gli venne in mente una cosa. Con la storia del viaggio in America, si era dimenticato di portare i regali che aveva preparato ad Agasa e a Shiho. «Capperi… Mi sono dimenticato!!!!! Vabbè. Glieli porterò adesso e mentre mi scuso per il ritardo, … Oddio!!!! chissà se Shiho vorrà parlarmi… ^^” – già s’immaginava i suoi occhi di ghiaccio per la serie: grazie tanto!!!! Guarda che non c’è mica solo Ran che esiste su questo pianeta. Anch’io t’ho fatto un regalo per Natale…
Deve essere nel camino… Scusami… Mi è scivolato… Vediamo se il grande detective riesce a scoprire a posteriori di che cosa si trattava - Li inviterò qui a casa mia per l’ultimo dell’anno, così faccio una festa e stiamo tutti insieme. E anche i Detective Boys… Sì!!!!! Bella idea!!!!! ^^».

Il ragazzo esce di casa con i regali in mano e suona il campanello davanti alla casa “Laboratorio del Dottor Hiroshi Agasa”.
Non riceve risposta.
Registrato

The Organization is going to kill anyone that relates to you! [Ai Haibara]

Leggete la mia Fan fic!!!
Detective Conan- Vendetta Privata



Kirei
葛城 綺麗 [Katsuragi Kirei]
Administrator
Sherlock Holmes
*

Karma: 314
Scollegato Scollegato

Sesso: Femmina
Messaggi: 3.482


Evening baroness (O_o)


kireichan82 kirei.katsuragi kirei82
Mostra profilo WWW
« Risposta #39 inserita:: Lunedì 28 Aprile 2008, 11:37:21 »

Nooo!!! Non puoi tagliarla in questo punto!!!

Meno male che la seconda parte arriva nel pomeriggio! =P
Registrato





My dcktss family

LucaLX (fratello gemello dinastico)
Meitantei94 (fratello)
Kristal (cognata; cugina)
kudo (fratello)
Court (cugina)
ladyhattori (cugina)
alfio (cugino)
Silvy93 (cugina)
Miwa
La #2 paladina della giustizia!
Staff forum
Sherlock Holmes
*

Karma: 155
Scollegato Scollegato

Sesso: Femmina
Messaggi: 5.800


Kyon Lover ♥


Mostra profilo
« Risposta #40 inserita:: Lunedì 28 Aprile 2008, 12:23:25 »

E finalmente...L'attesa è terminata!
Che bello, questo primo capitolo promette bene, ma se cominci a tagliarla sempre sul più bello come farò a resistere alla curiosità? Meno male che l'altra parte è questo pomeriggio...
Registrato



CoAi Shipper|aNobii|EFP|MAL|Twitter|Tumblr

Lovely Gifts from Kristal Brooks and Fifi Kuroba! Thank you *-*~
Baris
Detective esperto
*

Karma: 71
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 432



Mostra profilo
« Risposta #41 inserita:: Lunedì 28 Aprile 2008, 16:23:27 »

Concordo con Silvy!!  Cheesy
Registrato


   
ladyhattori
La #4 paladina della giustizia!
Global Moderator
Sherlock Holmes
*

Karma: 278
Scollegato Scollegato

Sesso: Femmina
Messaggi: 5.601


Be careful: I'm ladyblu


Mostra profilo
« Risposta #42 inserita:: Lunedì 28 Aprile 2008, 16:36:39 »

Si si!! La storia promette molto bene!! E bravo Mei!!
Ora aspetteremo con ansia la seconda parte!! (che dovrebbe arrivare in queste ore...)
Registrato







Tacchino Selvaggio
Global Moderator
Sherlock Holmes
*

Karma: 56
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 936


He got a Licence To Kill


Mostra profilo
« Risposta #43 inserita:: Lunedì 28 Aprile 2008, 17:17:14 »

La seconda ATTESISSIMA (mi è parso di capire  Roll Eyes XD) parte!!!!! ^^


Allora riprova e riprova, ma niente.
Nel frattempo, due volanti della polizia passano di gran carriera davanti alla casa del Dottor Agasa. Effettivamente, se n’è accorto solo ora, c’è una certa agitazione in giro. Una strana atmosfera. Prima Shinichi non se n’era accorto perché per tutto il tragitto aveva dormito.
Guardando dalla finestra, nello studio del Dottor Agasa, scorge il suo cellulare. «Cavoli!!!!! Ecco dove l’avevo lasciato!!!! Devo averlo dimenticato mentre giocavo qui con i bambini… Sono stato via la settimana del Natale senza cellulare… Ran vorrà uccidermi, mentre la SIM sarà piena di auguri… E io non ho risposto a nessuno!!!!!!». Shinichi tornò davanti alla porta. «Ma dove accipicchia sono andati a cacciarsi? Che siano usciti? Il 30 di dicembre? Possibile?» il ragazzo si appoggia alla porta in legno della casa del Dottor Agasa. Appena la sfiora. La porta si apre.

Shinichi entra e, mentre si toglie le scarpe: «Dottore?... Sono Shinichi. Venivo a portarle i regali di Natale… Miyano…? Ci sei?... Ma dove sono finiti tutti quanti?». Shinichi avanza nello studio. La televisione è accesa, il riscaldamento funziona, ma nessuno si fa avanti. Shinichi nota una videocassetta sul tavolo nel salone da pranzo. E’ fuori posto, le altre sono tutte messe sulle mensole dello studio del Professor Agasa «Che sia per me?».
Infatti, nella targhetta dorsale che identifica la cassetta dalle altre VHS c’è scritto in maiuscolo: “INSERISCIMI NEL VIDEOREGISTRATORE”.
“Cos’è, mi stanno facendo uno scherzo… “Inseriscimi nel videoregistratore”…  Pensavo nel caminetto…” Pensa ridendo tra sè Shinichi, pensando a Shiho, e così estrae la cassetta dalla custodia di cartone.
E’ in quel momento che si accorge di un foglio di carta, formato A4, ripiegato in quattro parti, che gli cade per terra. Raccoltolo, il ragazzo legge: “LEGGIMI DOPO AVER VISTO LA CASSETTA”.
Così sia.
Shinichi inserisce la cassetta nel registratore. “Sicuramente verrà fuori Samara da “The Ring”…. Vorranno farmi paura… IH! IH! IH!!! Vorrà dire che starò al gioco…”.
La cassetta inizia.
C’è l’edizione del TG nazionale della NHK (la Nippon Hoso Kyokai) delle 20 del 24 dicembre.
Si parla di attualità.
«Tokyo- La seconda udienza del processo per giudicare i membri arrestati la primavera scorsa della cosiddetta “Banda degli Uomini in Nero” è stato annullato e tutti i membri incarcerati, eccetto quelli che hanno fatto fuoco contro le forze dell’ordine verranno rilasciati. Costoro rimarranno in attesa di giudizio. Questa la decisione che farà discutere del Ministro di Grazia e Giustizia Kumamoto che “ha deciso di avvalersi della grazia Imperiale prevista dalla Costituzione per i reati gravi per i quali sia prevista la pena capitale in quanto il fatto non sussiste, poiché assolutamente impossibile l’esistenza di una banda di tali dimensioni, importanza e pericolosità da essere sconosciuta prima d’ora dalle Forze dell’Ordine. Questo si legge nella nota diffusa dal Ministero. Ma sentiamo a questo proposito il Vice Ministro Akugatawa.»

A Shinichi stava per esplodere il cuore, mentre tutto di lui, gambe, piedi, mani, viso, occhi, bocca, compreso il cervello era congelato, paralizzato: ma come il fatto non sussiste? Come tutti liberati? Perché? Quella banda di maledetti farabutti a piede libero ancora? Non può essere…
Il Vice Ministro Daijiro Akugatawa esordiva: «Dal momento d’insediamento dell’ultimo Governo non si sono mai verificati esempi di ingiustizie gravi. Il popolo giapponese si fida delle proprie Forze dell’Ordine e delle proprie Forze di Autodifesa oltre che delle sue Istituzioni politiche e giudiziarie. Condannare questi uomini alla pena capitale per omicidi plurimi e cospirazione contro le Autorità oltre che di vari traffici illeciti sarebbe stata una gravissima macchia che sarebbe pesata sui nostri ordinamenti. Questi uomini sono innocenti, e lo dimostra anche il fatto che non fossero minimamente conosciuti alla Polizia.
Come si può nascondere un’Organizzazione tanto potente dal braccio della Legge?
Proprio non si riesce a spiegare… Sarebbe come pensare di nascondere un elefante sotto al tappetino del bagno. Per quanto riguarda la sparatoria con la Polizia poi, quale grande Organizzazione al giorno d’oggi non è provvista di un corpo di guardia?... 
Io stesso, personalmente, intendo, ho fatto pressione sul Ministro Kumamoto perché questa grave sciagura di proporzioni nazionali venisse scongiurata. Giustizia è fatta…»

Shinichi rimaneva intontito come svuotato completamente. Riusciva a malapena a respirare. Sulla cassetta, intanto, impietosamente, c’era la registrazione di un nuovo notiziario.

Del 26 dicembre, questa volta.
«Tokyo- Inspiegabili fatti sono accaduti l’altro giorno a Tokyo. Numerose personalità della polizia e personaggi pubblici hanno la propria vita appesa ad un filo. L’Ispettore Juzo Megure, l’agente della polizia Miwako Sato e l’Ispettore Ninzaburo Shiratori, tutti della Polizia di Tokyo oltre al Detective Mori, sua moglie Eri e ad una studentessa di 18 anni, Sonoko Suzuki, figlia del proprietario dell’omonimo gruppo finanziario sono stati trasportati urgentemente in fin di vita negli ospedali della capitale. Tutti loro si trovano in questo momento in stato di coma, misteriosamente dopo aver passato ognuno, tranne i coniugi Mori, la notte tra Natale e il 26 dicembre da solo.
Che si tratti di un attentato terroristico?»

Cosa era mai successo? Come in coma? Vita appesa ad un filo? A Shinichi tornò in mente che Shiho, una volta, quando era ancora Ai Haibara, aveva fatto un accenno riguardo gli esperimenti dell’Organizzazione su come ottenere una polvere che, se inspirata, poteva rallentare e notevolmente le attività celebrali, tanto da portare lo sventurato che veniva sottoposto a simile trattamento ad uno stato molto vicino al coma.

Notiziario del 27 dicembre. Alle spalle dell’anchorman, una recente foto di Ran con il padre:
«Tokyo- La figlia del famoso detective Kogoro Mouri è stata rapita ieri sera, mentre si trovava in ospedale ad assistere, oltre al padre e alla madre, i poliziotti della questura di Beika, conoscenti della famiglia e misteriosamente caduti in uno stato di coma il giorno scorso.
Secondo alcuni testimoni, la ragazza è stata sequestrata nella sala d’attesa da un gruppo di persone armate indossanti cappotti neri che poi sono a riuscite a scappare in maniera rocambolesca in elicottero che avevano fatto sistemare sul tetto dell’ospedale. Nella fuga, hanno anche ferito un’infermiera che aveva cercato di fermarli»

RAN!!!!
E tutti gli altri!!!!
Shinichi era ammutolito, shockato, paralizzato completamente; sudava freddo, timoroso del futuro, la paura che gli montava in corpo, che gli toglieva ogni respiro. A vederlo, un fantasma in volto.
D’improvviso si ricordò della lettera. Fece uno sforzo immenso per alzarsi e per prenderla, nel mentre che l’afferrò tremante, sentì il rumore di qualcosa che si rompeva, veniva dallo studio seminterrato di Agasa.
Shinichi non esisteva più. C’era solo lo Sgomento al suo posto. Erano in casa? Erano gli Uomini in Nero? Cosa poteva essere?
«S… Shini… SHINICHI…!!!!!» la voce del Dottor Agasa.
«Dottore!!! Dottore!!!! Sono io. Arrivo…» Shinichi mentre correva giù dalle scale era un contenitore vuoto… Piangere dalla disperazione per l’attacco e il ritorno di quei maledetti era la sola cosa che riuscisse a fare.
Il Dottor Agasa era stato picchiato. Un po’ di sangue fuoriusciva dagli ematomi sul viso. Era legato, tuttavia chi lo aveva ridotto in quello stato gli aveva lasciato un po’ di riso da mangiare e una bottiglia d’acqua da bere sul pavimento. Nel momento in cui era entrato Shinichi il dottore stava riposando, dato che si trovava in quello stato da tre giorni, e non l’aveva sentito. Per richiamare la sua attenzione aveva urtato uno dei tavolini, provocando la caduta del vaso che, rompendosi, aveva attratto l’attenzione del giovane.
«Grazie a Dio sei qui, Shinichi…» «Dottore… Aspetti… Adesso la libero - diceva Shinichi, con le lacrime che gli scendevano dal viso – Omioddio… Ma che è successo… Dannazione!!!!!!!» Shinichi era disperato… Piangeva dalla rabbia, dalla disperazione «Aspetta Shinichi! Aspetta!!!... – disse il dottore- Loro sono tornati… E’ stata Shiho… Hanno rapito anche Ran»

SHIHO.
C’era lei dietro tutto questo? Che l’indole nera che la caratterizzava forse da sempre, da quando aveva lasciato l’Organizzazione si fosse manifestata?
Il Dottor Agasa intanto era svenuto,tante ne aveva prese. Shinichi chiamò subito l’ambulanza.
Ancora sbigottito, incredulo, mentre ancora pensava di vivere solo in un brutto incubo terrificante dal quale voleva solo svegliarsi, prese la lettera e la lesse, ancora tremante.

“Kudo, hai visto? Sono tornati. Lo sapevo. Te l’avevo detto. Ora è davvero finita. Per tutti. Non ci sarà più modo per fermarli… E la loro vendetta sarà implacabile e precisa contro di te e quanti di loro ti sono stati accanto. Il mio destino non sarà diverso. Mi prenderanno. Non manca molto.
Per questo ho già deciso che quando verranno, per avere salva la vita dovrò vuotare il sacco… Lo sai questo, vero? Finalmente ora che avevo capito cosa volesse dire VIVERE davvero, mi tocca rinunciare a tutto.
E’ andata così. Non ci puoi fare più niente.
Quando tornerai e libererai il Dottor Agasa scappate subito. E sperate non vi vengano troppo a cercare. Ho dovuto io metterlo nelle condizioni di non nuocere, ma non dovrebbe aver subito danni permanenti. Abbi cura di lui.
Shiho Miyano"

L’ambulanza arrivò pochi minuti dopo, portando via il Dottor Agasa e, quindi, l’ultima persona a lui vicina sulla quale Shinichi poteva fare affidamento. Era solo. Era sconvolto. Non gli rimaneva più nulla. Non riusciva più a pensare. Davvero non c’era più niente da fare? Shiho poi. Perché? Perché tutto ciò?
Se c’erano davvero gli Uomini in Nero dietro tutto questo perché tutta questa sistematica cattiveria contro tutti… Tranne contro di lui? A tutti era stata fatta una qualche violenza, tranne che a lui.
A tutti era stata negata la libertà o anche addirittura la vita, tranne che a lui.
No. Violenza anche a lui era stata inflitta. Ancora una volta gli avevano rubato tutto, anzi di più. Gli avevano completamente svuotato il cuore, l’anima, il cervello… E anche Shiho!!! Ora la odiava. Non aveva mai sinceramente inquadrato bene il suo comportamento.
Ora sapeva della sua anima nera, irrimediabilmente sporca di quel colore ignobile che gli aveva rovinato l’esistenza.
Ma questa volta non avrebbe accettato intermediazioni.
Sarebbe andato fino in fondo da solo. Se la polizia l’aveva tradito (come Shiho, d’altronde, senza dubbio), abbandonato, lasciato solo, si sarebbe fatto giustizia da solo.
Avrebbe cercato da solo il suo riscatto.
Se gli altri non si facevano alcun scrupolo per la vita della persone, perché mai avrebbe dovuto farselo lui?
Si ricordò che suo padre nello studio aveva un’arma, una Walther, gli sembrava di ricordare. Pensò di andare a prenderla.
La paura, lo sgomento e lo sbigottimento avevano lasciato posto all’odio e alla determinazione più feroce.
Shinichi rientrò in casa sua e si diresse verso lo studio del padre.

- FATE PARTIRE LA SIGLA-
Registrato

The Organization is going to kill anyone that relates to you! [Ai Haibara]

Leggete la mia Fan fic!!!
Detective Conan- Vendetta Privata



ladyhattori
La #4 paladina della giustizia!
Global Moderator
Sherlock Holmes
*

Karma: 278
Scollegato Scollegato

Sesso: Femmina
Messaggi: 5.601


Be careful: I'm ladyblu


Mostra profilo
« Risposta #44 inserita:: Lunedì 28 Aprile 2008, 18:59:28 »

 Shocked Shocked Shocked
Mi sembra chiara la mia reazione no??
Comunque questa fanfic mi piace sempre di più!! E' molto coinvolgente!! Complimenti Mei!!  Wink
Ora dobbiamo SOLO aspettare (chissà per quanto...) la terza parte!!
Registrato







 
Pagine: 1 2 [3] 4 5 6   Vai su
Stampa
« precedente successivo »
Vai a:  

Pagina creata in 0.204 secondi con 38 interrogazioni al database.