Archive for maggio, 2008

File 651 – True identity

maggio 21, 2008 on 4:45 pm | By | In Files pubblicati | No Comments

ran_shinI presenti sono a dir poco attoniti…Kudo capace di tentare di uccidere qualcuno solo per non perdere la fama di grande detective?

In quel momento entra inaspettatamente lo Shiragami nella stanza terrorizzando i presenti tranne Heiji, Shinichi invece reagisce con enorme stupore tanto da tentare di afferrare la pistola che porta con se. Lo Shiragami dice a Ran di nascondersi dietro di lui e intima Shinichi a mettere giù una pistola che comunque non potrebbe usare perché scarica. Con un calcio ben piazzato lo Shiragami riesce a disarmare Shinichi e si appresta a risolvere il caso con Heiji. Il detective di Osaka rende noto a tutti che un indizio importante di quel caso è proprio il viso di Shinichi: chiunque lo conosce sa che non sarebbe mai in grado di uccidere nessuno per qualunque motivo! Ma allora chi è Shinichi? E lo Shiragami?

Un altro indizio sul falso Shinichi è stata la reazione di Ran, piuttosto fredda per aver davanti una persona che aspetta da mesi! A tutto questo si aggiungono le foto di Shinichi ritrovate nella capanna piene di tagli e dello specchio a terra andato in mille pezzi. Sicuramente il colpevole prova un enorme odio per Shinichi ma perché rompere il vetro? C’è solo un motivo: attraverso interventi di chirurgia estetica ha cambiato il proprio viso in quello della persona odiata! Il falso Shinichi in realtà non è altro che Makoto e lo Shiragami il vero Shinichi! Lo scopo di Makoto era quello di distruggere Shinichi socialmente e fisicamente per fargli pagare l’affronto di un anno prima. Makoto si era buttato nel lago per diversi motivi: avrebbe potuto ingannare tutti dicendo che era raffreddato e nessuno si sarebbe accorto delle voce differente, si è presentato a tutti nudo perché non sapeva con che abiti era venuto in paese Shinichi, e ha inventato la storia della perdita di memoria per non dover rispondere a domande scomode.

Fu Shinichi a chiamare l’ambulanza e la polizia dopo aver visto quello che aveva combinato Makoto con la giornalista che, probabilmente, aveva scoperto tutto sul suo intervento e che avrebbe buttato all’aria i suoi piani.

Arriva così il momento dei chiarimenti. L’ex capo villaggio, per far credere a tutti in una rapina, ha gettato i gioielli nel lago usando la stessa tecnica per cui aveva vinto diverse medaglie nel lancio dei cerchi: in questo modo non avrebbe lasciato impronte e suo figlio non avrebbe mai saputo in un doppio omicidio. La causa dell’omicidio-suidicio venne imputata alla depressione indotta dalla scoperta del cancro solo per tenere nascosta una cosa privata che solo Makoto avrebbe saputo: il capo villaggio, credeva di avere un gruppo sanguigno di tipo 0 (come tutta la famiglia), ma dalle numerose analisi venne fuori che il suo gruppo era in realtà AB….Daiki, suo figlio, non era in realtà suo: secondo la legge di Mendel i gruppi 0 e AB non possono dare luogo a un tipo 0.

Proprio per evitare che questa scomoda verità potesse essere nota a tutto il paese, Shinichi un anno prima disse la verità solo al poliziotto pregandolo di riferirlo solo a Makoto ma di non farne parola neanche nel rapporto della polizia. Purtroppo Makoto, distrutto dalla perdita e dalla deduzione di Shinichi, non prestò attenzione alle parole del poliziotto, inducendolo così a trovare vendetta.

Risolto il caso Shinichi rende noto a tutti che Makoto è la seconda generazione di Shiragami (la prima generazione era formata dal padre) con il solo scopo di impedire ad altri bambini di perdersi nel bosco e morire come accadde anni prima.

Mentre Shinichi si gode un attimo di relax con gli amici e spiega loro come è arrivato alla risoluzione del caso, si sente male ed Heiji si rende conto che le 24h di validità dell’antidoto sono quasi del tutto passate! La prima cosa da fare è portare Shinichi lontano dal gruppo prima che ritorni Conan…ma Ran, ritrovato il suo amico, non ha intenzione di lasciarlo andare via!

File 650 – Endless tears

maggio 14, 2008 on 4:02 pm | By | In Files pubblicati | No Comments

shin_ranNel precedente file avevamo lasciato Ran svenuta, ferita e con vicino il ragazzo del bosco. Adesso la ritroviamo in una baracca con tanto di bende sulle ferite a sognare l’ultima volta che vide il suo amico Shinichi. Ripresa conoscenza cerca di ricostruire la dinamica dei fatti e si accorge delle varie medicazioni. Da lì a poco entra nella baracca Kazuha accompagnata da Kogoro ed Heiji ancora impegnati nella sua ricerca.

Sarà lo stesso Heiji, durante la perlustrazione del luogo, a fare un’incredibile scoperta: il proprietario della casetta è completamente “attratto” per il detective liceale, ma è ne è attratto negativamente a tal punto che ne desidera la morte! Oltre a questa scioccante deduzione Heiji va oltre: il proprietario del cottage considerato una buona persona (in quanto ha medicato Ran) non è altro che lo Shiragami! Ma come fa a dirlo? Nella stanza viene ritrovato un filo di una parrucca bianca, in più viene rinvenuto una confezione vuota di proiettili e una scritta (“Fallire significa morte”).Tutto fa pensare che lo Shiragami vada un giro con una pistola pronto a colpire forse lo stesso Shinichi per chissà che conto in sospeso.

In seguito si “chiarisce” un ulteriore punto: chi ha chiamato ambulanza e polizia il giorno in cui è stata ferita la giornalista? Il poliziotto dice che la telefonata, partita da un hotel, è stata fatta da un giovane ragazzo con la febbre e raffreddato, riconosciuto come Shinichi Kudo passato all’hotel per lasciare un messaggio alla reporter che soggiornava lì!

Heiji non si ferma a queste scoperte: capisce che in quella stessa stanza c’è stato anche Conan, probabilmente prima della trasformazione, e che è fuggito da una piccola finestra aiutandosi con un tavolo e una sedia…ma perché?

Ormai Heiji è sicuro di aver capito tutto e invita i presenti a recarsi nella casa dell’ex capovillaggio per risolvere il mistero. La cosa che sconvolge tutti è senza dubbio la prima rivelazione: il vero colpevole è Shinichi Kudo, colui che è ricoperto del sangue della vittima e che si trovava solo con lei! A questo punto Shinichi ammette tutto: era spaventato dal fatto che la reporter potesse rendere noto a tutti il suo sbaglio fatto un anno prima, rimettendoci così la sua fama di grande detective. Cosa ancora più incredibile è il pianto di Shinichi mentre ammette tutto, arrivando a sconvolgere Ran che non lo riconosce più. Tutto questo però l’aiuterà a capire che quello non è il suo Shinichi, quel Shinichi che ha aspettato per tanto tempo e che ama…all’improvviso alla finestra alle spalle di Ran compare una figura, lo Shiragami, e Ran ricordandosi delle parole dell’amica Kazuha non riesce a trattenere le lacrime…..

Qual’è il motivo delle lacrime di Ran? Shinichi è il vero colpevole?

File 649 – Shiragami-sama

maggio 7, 2008 on 1:32 pm | By | In Files pubblicati | No Comments

ran+shiragamiDove eravamo rimasti? Heiji trova Shinichi sporco di sangue davanti al corpo della reporter con in mano l’arma del delitto….Ovviamente entrambi i ragazzi sono sconvolti, nessuno dei due vuole credere che Kudo abbia potuto uccidere una persona! Ma qui si ha una prima sorpresa: la reporter non è morta, respira ancora. Heiji istintivamente chiede a Kazuha di chiamare ambulanza e polizia ma poi pensa ” se si chiama la polizia e vedono Kudo in queste condizioni coperto di sangue, sarà immediatamente marchiato come colpevole”. Ran, Kazuha e Kogoro non possono credere ai loro occhi…Shinichi un omicida? Heiji si sbriga a chiarire che deve essere stata per forza una trappola, e incita a chiamare solo l’ambulanza per la donna.

Con l’ambulanza, però, arriva anche la macchina della polizia…ma chi le ha chiamate? Nessuno dei presenti aveva ancora avuto il tempo e la lucidità per fare la chiamata. La polizia inizia a indagare e a interrogare Ran, Kazuha e Kogoro che hanno anche il compito di depistare la polizia per far guadagnare tempo a Heiji e Shinichi fuggiti dalla porta sul retro. Heiji riesce a nascondere  Kudo nel bagagliaio di un’auto per poi dedicarsi alla risoluzione del caso, sempre ricordandosi delle 24h di validità dell’antidoto.

Vengono prese in considerazione diverse ipotesi, ma non si arriva a niente. Se solo Shinichi si ricordasse qualcosa! Proprio in quel momento Ran e Kazuha si ricordano di un fatto confermato da un ufficiale del posto: se si vuole far ritornare la memoria a una persona che aveva incontrato lo Shiragami, ci si deve recare nella foresta, chiamarlo con tutta la voce che si possiede e lo si continua a pregare con cuore pure e triste tutto tornerà come prima. Questa era una leggenda del luogo ma mai nessuno ha osato tanto.

L’unica che sembra crederci, o almeno ci spera, è Ran che inizia a correre a perdifiato nella foresta chiamato a più non posso Shiragami e implorandolo di far tornare Shinichi quello di un tempo, promettendogli anche di donargli il suo cuore colmo di dolore. Finalmente Ran lo trova, ma non riesce più a parlare per aver urlato troppo in precedenza; lo insegue e cade giù per un dirupo. Stanca e dolorante, Ran non riesce a muoversi finendo con lo svenire. Proprio in quel momento compare al suo fianco lo Shiragami…che intenzioni avrà?


Powered by WordPress and Nifty Cube with Recetas theme design by Pablo Carnaghi.
Entries and comments feeds. Valid XHTML and CSS.
©2005-2017 Detective Conan - Koi ha thrill, shock, suspense - Detective Conan - Meitantei Conan - © 1994-2017 Gosho Aoyama - Shogakukan - TMS - Yomiuri TV

Questo sito fa uso di cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione.
Maggiori informazioni